La carica dei 30 mila

Giovedì 24 e venerdì 25 gennaio 2019, presso la Fiera della Sardegna a Cagliari, si terrà la quinta edizione del Sardinian Job Day (SJD). Organizzato dalla Regione e dall’Aspal – Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro, l’evento comprenderà iniziative che consentiranno il confronto diretto tra la domanda e l’offerta di lavoro informando e formando i cittadini, le imprese e le istituzioni sui cambiamenti nel mondo dell’impiego, in particolare per effetto delle innovazioni digitali.
Saranno altresì previste numerose attività di tipo istituzionale e di approfondimento tematico didattico e pratico, quali i convegni sui temi del mercato del lavoro ai tempi del digitale, i seminari con la partecipazione dei rappresentanti del mondo imprenditoriale, i laboratori con esperti nel campo del reclutamento, della formazione e dell’orientamento dei candidati, ma anche svariati momenti di approfondimento vertenti sui servizi, le politiche attive del lavoro e l’istruzione, mediante il coinvolgimento delle scuole e delle università.
Sono programmati anche interventi e seminari sul tema del lavoro all’estero, attraverso casi studio con testimonial di rilievo nazionale ed internazionale e delucidazioni fornite da esperti dei servizi pubblici europei per l’impiego.
Al termine dei singoli appuntamenti, sarà dato spazio al confronto diretto tra il pubblico ed i relatori, che potranno rispondere ad eventuali domande.
I dati sul Sardinian Job Day, rilasciati esclusivamente dall’Aspal di Cagliari, indicano più di 30mila candidature pervenute per 5mila posti disponibili, 300 aziende che parteciperanno all’evento selezionando le figure professionali ricercate, operanti in numerosi settori che vanno dal turismo ai trasporti, sanità, commercio e manifatturiero, passando per le multinazionali di 10 Regioni italiane e 17 europee ed extraeuropee.
Molti candidati al tour de force di colloqui che si terrà nel corso delle due giornate hanno un’età superiore ai 35 anni, alcuni sono altamente qualificati in possesso di laurea ed altri titoli specialistici, ma tutti avranno ancora la possibilità di compilare la domanda online per effetto della proroga fino al 13 gennaio.
Per accedervi, è necessario iscriversi ai servizi internet della Borsa Lavoro, correlata alla raccolta dati per il Sardinian Job Day, utilizzando le credenziali valide per il Portale Pubblico all’indirizzo www.sardegnalavoro.it.
Inserendo nei campi evidenziati i dati d’accesso per il cittadino, ovvero UserID e password, si potrà pubblicare il proprio curriculum sia in Borsa Lavoro che per il Sardinian Job Day, ricercare gli annunci di lavoro dedicati – non prima di aver effettuato una scrematura sulla base delle proprie competenze ed aspirazioni comprensive di indicazioni del tipo di contratto agognato, come un tirocinio, uno di collaborazione, a tempo determinato o indeterminato – e consultare le proprie candidature per monitorare l’esito della preselezione effettuata dagli operatori dei Centri per l’Impiego della città di provenienza del candidato.
Il meccanismo, a tratti farraginoso nell’incontro virtuale tra domanda ed offerta, consente però di aggiornare costantemente il proprio profilo lavorativo mediante le sezioni dedicate ai dati anagrafici, alla formazione, alle lingue, alle conoscenze digitali, alle esperienze ed alle aspirazioni lavorative: la pubblicazione del curriculum vitae renderà possibile la sua memorizzazione nella piattaforma regionale SIL – Sistema Informativo del Lavoro e della Formazione Sardegna e la sua diffusione in vista del Sardinian Job Day.
A seguito del compimento di queste procedure, riassunte nel Manuale Operativo dei servizi online dedicati ai cittadini ed alle imprese, verrà rilasciato un documento stampabile nel quale sono riportate informazioni personali come il titolo del CV, la data di pubblicazione, il codice di candidatura a 25 cifre, l’ambito di diffusione che, in base alla scelta del candidato, può essere regionale, nazionale o europeo, e la sua volontà di renderlo accessibile in vista dell’evento previsto nella due giorni di Cagliari.
Successivamente, l’utente potrà cominciare a rilevare tutti gli annunci di lavoro già pubblicati dalle imprese partecipanti al Job Day selezionando gli appositi filtri specificati, tra i quali il profilo ricercato, l’eventuale esperienza richiesta, il livello di istruzione minimo, il Comune, la Provincia e la Regione di lavoro, il programma di tirocinio o la tipologia di rapporto e contratto offerti.
A seguito della possibilità di avvalersi di un servizio di messaggistica previsto nella piattaforma, si potrà visualizzare una maschera telematica che traccerà una percentuale di compatibilità tra il candidato ed il referente in preselezione, mentre si attenderà di conoscere l’esito delle valutazioni ultimate nel faccia a faccia del 24 e 25 gennaio alla Fiera di Cagliari.
Durante la scorsa edizione del Sardinian Job Day, su 5mila candidati, 4mila hanno ottenuto un contratto di lavoro: quest’anno se, da una parte, i dati ISTAT prospettano una diminuzione della disoccupazione giovanile, dall’altra si temono i possibili contraccolpi dovuti alle nuove misure in materia di giuslavorismo e previdenza sociale.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn