La bella sorpresa di Nuoro Travel Week

Primo bilancio di “Nuoro Travel Week”, evento formativo all’esordio in Sardegna dedicato alla cultura di destinazione e all’innovazione turistica che dal 24 e il 27 ottobre ha portato a Nuoro docenti universitari ed esperti di fama internazionale come Patrizia Asproni, founder e presidente della “Fondazione Industria e Cultura di Roma”; Martina Manescalchi, docente di “Web Comunication” all’Università di Bologna; Paola Baldacci, giornalista di “Guida Viaggi”; Mario Garau, routes development & airport consulting manager all’aeroporto Costa Smeralda di Olbia; Robi Veltroni, direttore del “Magliano Resort” di Borgo Magliano; Paolo Manca, presidente di Federalberghi Sardegna; Francesco Schianchi, docente di creatività e design al Politecnico di Milano; Luigi Fassi, direttore del Museo Man; Piero Pili, responsabile del “Programma di ricerca Internet of Things & Energy Efficiency Technologies” e del “Progetto Airport4All”; Wilma Vanni, sales director al “ReviewPro”di Barcellona e Rodolfo Baggio, astrofisico con PHD in Tourism Management dell’Università del Queensland (Australia), docente e coordinatore Area Tecnologie e Strategie Digitali al “Master in Economia del Turismo” e research fellow del “Centro Dondena per la Ricerca sulle Dinamiche Sociali e Politiche Pubbliche” dell’Università Bocconi di Milano.

Il saluto di Fabrizio Mureddu (UniNuoro)

Nel corso della quattro giorni si sono susseguiti tre lectio magistralis, otto workshop cognitivi, due workshop di progetto e un seminario di studi, riscontrando un buon interesse da parte del pubblico, con oltre cinquecento presenze. Soddisfatti gli organizzatori che già pensano alla riproposizione di un appuntamento annuale utile non solo quale momento di divulgazione ma anche di incontro e sintesi tra gli amministratori locali e gli operatori economici e culturali del territorio. “Nuoro Travel Week”, nato nell’ambito del progetto “Sardinia East Land” che mira alla realizzazione di una destinazione globale tra Nuorese e Ogliastra, è stato organizzato dalla Provincia di Nuoro in collaborazione con l’assessorato regionale al Turismo, il Comune di Nuoro, la Camera di Commercio e il supporto del Consorzio Universitario Nuorese-UniNuoro nella cui sede si sono svolte tutte le attività. Enti impegnati all’interno del progetto “Visit Nuorese” (finanziato  col Piano di Rilancio del Nuorese) incentrato sulla creazione di un sistema di offerta sostenibile in grado di valorizzare le peculiarità del territorio e rispondere alle motivazioni e alle nuove esigenze del consumatore.

All’interno di questi obiettivi sono risultati interessanti le evidenze e gli spunti emersi nel corso degli incontri, prevalentemente grazie alla proficua interazione tra relatori e partecipanti che, sottolineano gli organizzatori, ha fatto emergere il quadro di un territorio dalle grandi potenzialità e ampi margini di sviluppo economico. Dalle ricerche condotte emerge che negli ultimi dieci anni la destinazione Nuorese-Ogliastra, ribattezzata per l’occasione “Sardinia East Land”, cresce a ritmo sostenuto, con un incremento degli arrivi pari al 49,4% (a fronte del 31% regionale) e una crescita delle presenze del 25,8% (a fronte del 15,7% regionale). Ma il dato probabilmente più sorprendente è quello legato agli stranieri: presenze in aumento del 119% con un incremento della spesa sul territorio pari, addirittura, al 127,5%.

Francesco Pigliaru

L’analisi, condotta dallo Studio Giaccardi di Ravenna, evidenzia come siano presenti i presupposti per un potenziamento del settore turistico. «A tal proposito – afferma il consulente di progetto Beppe Giaccardiil nostro obiettivo è rendere accessibili online e H24 le risorse del territorio, creando un filo diretto tra la destinazione e il fruitore finale”. “Questo progetto mira a generare mille nuovi posti di lavoro qualificati nel turismo internazionale». Dati confortanti che hanno condotto, prima l’assessora regionale al Turismo, Barbara Argiolas, e poi lo stesso presidente della Regione, Francesco Pigliaru, intervenuto nel corso di una delle lezioni del venerdì mattina, a esprimersi in maniera piuttosto favorevole nei confronti del progetto. Nel suo intervento Pigliaru ha sottolineato l’importanza del lavoro portato avanti dalla Regione sulla DMO (Destination Management Organization), evidenziando come oggi il turismo sia soprattutto conoscenza e competenze. «Con il percorso di costituzione della DMO – ha detto il presidente – stiamo dando un sistema di governance al turismo dove tutti hanno ruolo, pubblico e privato, con l’obiettivo di valorizzare le differenze dentro una visione e una strategia condivisa e unitaria».

 

Il saluto di Costantino Tidu

Concordi sulla strategia da seguire anche Barbara Argiolas e l’amministratore straordinario della Provincia di Nuoro, Costantino Tidu, che aprendo la quattro “Nuoro Travel Week”, hanno lanciato un messaggio inequivocabile: «Sardinia East Land nasce per dare finalmente una visione strategica alla programmazione turistica di nuorese e ogliastra, considerati come unico e variegato territorio, capace di offrire una vasta gamma di tipologie di prodotto e rivolgersi a differenti categorie di soggetti». Dello stesso avviso anche il sindaco di Nuoro Andrea Soddu e il commissario del Consorzio Universitario Nuorese-UniNuoro, Fabrizio Mureddu, mentre il presidente della Camera di Commercio di Nuoro, Agostino Cicalò ha posto l’accento sui potenziali risvolti occupazionali. «Il turismo – ha sottolineato Cicalòdev’essere la nostra ricetta contro la disoccupazione». Sostenuto da questo impegno corale, Sardinia East Land guarda alla prossima tappa: nel corso del prossimo appuntamento pubblico sarà presentato il Piano strategico della destinazione, il Catalogo dei prodotti e il Modello di Governance. «È di fondamentale importanza– conclude la questo proposito Costantino Tidu –  che tutti i soggetti interessati offrano la loro collaborazione, affinché vi sia condivisione di intenti finalizzata a una crescita comune. Il ruolo del settore pubblico è quello di favorire questo genere di processi, lasciando spazio all’iniziativa imprenditoriale dei privati».

 

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn