Insieme all’Isola che non c’è per raccontare nuove storie

L’associazione di promozione sociale “L’Isola che non c’è”, dal momento in cui è stata fondata, si è dedicata senza sosta a progetti di integrazione di individui diversamente abili nella comunità cittadina. Tramite una serie di attività (recite, laboratori occupazionali e attività per l’autonomia dell’individuo) l’Associazione si propone di ridurre, fino a farlo scomparire, il divario esistente fra normo dotati e disabili. È fondamentale che i cittadini comprendano che l’integrazione non è solo un concetto astratto, ma che si sviluppa un passo alla volta, nelle piccole azioni del quotidiano. In quest’ottica, L’Ortobene è lieto di affiancare “L’isola che non c’è” dando vita sulle sue colonne a una nuova rubrica che potete gustare già da questo numero, in questa pagina: “Il quaderno di Francesca”.
L’autrice si chiama Francesca Congiu, una ragazza di 37 anni originaria di Oliena, con sindrome di Down che fa parte dell’associazione. Francesca è una ragazza emotiva, sensibile, amichevole, e ha la passione per la scrittura. Attenta a tutto ciò che la circonda raccoglie i suoi pensieri e li esprime per lo più in forma poetica. Dopo aver partecipato alla sua prima riunione di redazione come ogni altro collaboratore del settimanale, ha iniziato un percorso che la porterà a conoscere meglio l’ambiente giornalistico, la realizzazione del giornale, l’utilizzo del computer per la scrittura dei testi.
Grata dell’opportunità Francesca è pronta a studiare ed impegnarsi in un percorso così bello e importante, vivendolo con serietà. Buona lettura.

© riproduzione riservata

 

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn