“Gustos e Nuscos” nelle Cortes di Orgosolo

Con “Gustos e Nuscos” la rassegna “Autunno in Barbagia” fa tappa sabato 14 e domenica 15 ottobre, oltre a Lollove (frazione di Nuoro) a Orgosolo all’insegna, appunto, dei sapori e degli odori in un percorso di Cortes aperte e allestite nel centro storico che si trasforma in una grande mostra etnografica dove alle eccellenze dell’enogastronomia, con un piatto tipico o un prodotto che caratterizza ogni ambiente viene abbinata una proposta culturale basata sulle tradizioni, l’ambiente e la storia del paese. La manifestazione nel paese del Supramonte mobilita tutte le associazioni in una gara a mostrare il meglio della comunità, a partire dall’innato spirito ospitale. Particolarmente impegnati, e simbolo di una mobilitazione collettiva disinteressata sul piano personale, i ragazzi nati del 1988 riuniti nell’Associazione Madnna dell’Assunta con l’apertura di alcuni punti di ristoro e il lavoro volontario di tanti concittadini finanziano la festa, oltre a offrire un vero e proprio spettacolo come in piazza Don Muntoni dove saranno in azione gli arrostito che offriranno il tradizionale porcetto.

Alle diciotto Cortes si aggiungono inoltre otto stand specifici di produttori locali che si stanno ritagliando uno spazio di mercato (vino, formaggio, dolci, birra artigianale, pane tipico, pasta fresca) e quattro spazi dedicati all’artigianarte, sette laboratori dove è possibile vedere gli artigiani all’opera (cucito tradizionale, abiti di velluto, uncinetto, sughero, pelle legno, tegole e scialli). Per scoprire l’ambiente del Supramonte di Orgosolo da non perdere la mostra fotografica sul Gipeto allestita nell’auditorium comunale, ben sapendo che l’intero centro abitato è un grande museo all’aperto grazie alla presenza dei murales che possono essere visitati comodamente in trenino e magari con l’ausilio dell’audioguida che permetterà agli ospiti di leggere le pagine di storia del paese e della Sardegna impresse nei muri fin dagli anni Sessanta del secolo scorso. Sotto la voce “da vedere” gli stessi organizzatori danno alcuni consigli ai visitatori. Non mancano vere e proprio chicche come la proiezione del film “L’Edera” tratto dal romanzo di Grazia Deledda nel cortile (via Oberdan-via Volta) dove nel 1950 il regista Augusto Genina girò alcune scene, o la possibilità di scoprire personaggi come Yanina Antsulevich, artista di Pietroburgo orgolese di adozione che abbina l’amore per il cavallo e le tradizioni equestri barbaricine (ha fondato e presiede l’associazione “Sella sarda” attiva anche nell’escursionismo a cavallo che sabato e domenica propone un’espozione di sculture, grafica e foto in via E. Mesina) all’arte tanto da coinvolgere un gruppo di connazionali che le settimane scorso hanno completato un originale murale.

Yanina Antsulevich

Interessante anche le esposizioni “Il torchio e il vino” (via San Michele) e alle “Arti e mestieri (Casa Monni, corso Repubblica). Nelle varie Cortes non mancheranno richiami e approfondimenti al ballo, al canto e al costume di Orgosolo tra cui le animazioni con musica etnica (Sa Lozza, via Nuoro), e ancora le proposte di un’artista locale Maria Teresa Podda che coinvolgerà in via Nuoro anche i bambini. Due gli appuntamenti specifici che caratterizzeranno la due giorni di “Autunno in Barbagia” a Orgosolo. La rassegna infatti si aprirà sabato 14 ottobre alle 10.30 nell’auditorium di piazza Caduti con un convegno su “Ospitalità e turismo rurale” che vede tra i relatori il sindaco Dionigi Deledda, l’assessore regionale Raffaele Paci, il presidente e il direttore generale del Banco di Sardegna Antonello Arru e Giuseppe Cuccurese, il presidente della Camera di Commercio Agostino Cicalò e il commissario del Consorzio universitario nuorese Fabrizio Mureddu.

Gruppo folk “Murales”

Domenica 15 con inizio alle 16 in piazza Caduti è prevista per l’organizzazione del gruppo folk “Murales” la rassegna di balli sardi con l’armonica a bocca, o meglio “Ballos” XIII Joviu Rezionale de Sonete a Buca, che prevede la partecipazione di Franco Corrias (Orgosolo); Antonio Chillocci (Fonni); Pietro Kapò Curreli (Ovodda); Gianmario Abrioni (Pattada); Dario Deriu (Loiri); Francesco Nieddu (Dorgali). Ospiti della serata che sarà presentata da Liborio Vacca Fred&Calzia (armonica blues harp, chitarra acustica) e allafine balli in piazza animati da Pietro Tanda (organetto), Fabrizio Bandinu (chitarra folk) e Franco Corrias (trunfa, armonica a bocca e voce).

© riproduzione riservata