Grazia Deledda vola Norwegian

Il ritratto di Grazia Deledda, una rara fotografia risalente ai primi anni del Novecento messa a disposizione dall’Isre, Istituto Superiore Regionale Etnografico della Sardegna, fra pochi mesi decorerà entrambi i lati della coda di un Boeing 737 MAX 8 della Norwegian Air Shuttle. La compagnia aerea low-cost, considerata la migliore in Europa anche per le trasferte a lungo raggio nel mondo, ha infatti deciso di dedicare alla scrittrice premio Nobel uno dei suoi aeromobili, rendendo nota la notizia proprio oggi, in occasione del 147° anniversario della sua nascita (27 settembre 1871, registrata all’anagrafe il giorno dopo). La valorizzazione di personaggi internazionali è un’iniziativa della compagnia norvegese che con i suoi 150 aeromobili vanta una delle flotte più giovani. Dopo Cristoforo Colombo e Marco Polo, la scrittrice è il terzo italiano dei 119 personaggi celebrati perché – definizione perfetta per la scrittrice nuorese – «sfidando i propri limiti e le regole stabilite, hanno segnato la storia diventando fonte d’ispirazione per altri».«Siamo lieti di omaggiare nuovamente l’Italia, dedicando uno dei nostri Boeing a Grazia Deledda, alla scrittrice sarda più famosa al mondo», ha detto Stine Borke, direttrice Marketing di Norwegian: «La Deledda non solo è una delle scrittrici più importanti e apprezzate del panorama letterario italiano, ma è stata la prima donna italiana a vincere un Premio Nobel». Grazie a Norwegian «il volto di Grazia Deledda diventa bandiera della Sardegna nel mondo», dice il presidente dell’Isre Peppino Pirisi, sottolineando che «nessuno come lei è stato capace di penetrare, comprendere e raccontare il microcosmo sardo, la sua cultura e i suoi valori fino a farli diventare emblematici simboli di portata universale. Con Grazia Deledda, l’Isola diventa protagonista di rilievo nel panorama della storia e con questa eccezionale campagna emozionale la scrittrice moltiplica la portata del suo messaggio, facendolo diventare veicolo della nostra vocazione più profonda per la letteratura, l’arte e la scrittura. Il mio auspicio – conclude Pirisi è che anche nel nostro Paese vengano tributati e riconosciuti presto all’unica donna italiana premio Nobel per la Letteratura tutti gli onori che merita». Un augurio fatto proprio anche da Giovanni Santo Porcu, sindaco di Galtellì: ringraziando via Facebook la compagnia aerea norvegese, esprime «l’orgoglio di sardi e del paese di “Canne al Vento”» uno dei romanzi più famosi della Deledda, ma vorrebbe mostrare quel volto anche sullo scafo della Tirrenia o della Moby: «Peccato siano sempre “gli altri” a dare lustro alla Sardegna. A quando in una nave di Onorato? Con quello che costa, vedere una gigantografia simile non sarebbe male».
CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn