Giornata mondiale del Parkinson

Anche quest’anno l’Associazione Parkinson di Nuoro ha scelto di celebrare la giornata mondiale incontrando le persone, malati e loro familiari, istituzioni e tutte le persone che intendono trascorrere un momento di condivisione. L’appuntamento è per sabato 18 maggio presso l’ex Artiglieria di Viale Sardegna a Nuoro.
«È il terzo anno – si legge in un comunicato dell’associazione nuorese – che si festeggia la giornata mondiale con incontri all’aperto per raccontare se stessa e le problematiche della malattia ma soprattutto per uscire e per creare nuove possibilità di relazione. Quello che le persone con malattia Parkinson vogliono fare è prima di tutto farsi conoscere come persone che hanno dei limiti ma, soprattutto hanno grandi risorse che non devono restare nascoste e ignorate. Infatti il 18 maggio avverrà proprio un cambio di passo: saremo all’ex Artiglieria dove i grandi spazi aperti permetteranno ai parkinsoniani di accogliere quanti per curiosità simpatia amicizia converranno nel grande cortile. Gli ospiti d’onore – prosegue la nota – saranno alcune scolaresche delle diverse scuole elementari e medie della nostra città. Sarà un incontro proficuo, con scambio di competenze e abilità che si esprimeranno in alcuni laboratori variamente artistici.
La giornata ha un titolo intrigante “Coloriamo le emozioni”, emozioni che spesso grandi e piccoli non sanno nemmeno nominare e talvolta nemmeno rivelare agli altri. Ed allora matite, pastelli colorati, pennarelli e gessetti permetteranno ai protagonisti della giornata di inventare, sentire, creare disegni, scontri di macchie, immagini, pasticci, vignette… tutto ciò che la fantasia, mente e cuore suggerirà loro. Vedremo – conclude il comunicato – persone con la malattia del Parkinson, spesso rinchiuse a casa con i loro familiari interagire con gli altri in una condizione paritaria che potrà fare solo del bene».
Il programma prevede l’accoglienza per le ore 9, alle 9.30 i saluti delle autorità, alle 10.15 la dottoressa Valeria Saddi terrà una breve conversazione sul tema “Il ruolo delle terapie complementari nel Parkinson”. La mattinata continuerà con i laboratori di teatro, artistica e hobbistica sino al pranzo al sacco e a un momento conviviale. Nel pomeriggio festa comunitaria con canti, balli e poesie. Saranno presenti i professionisti Stefano Manai, Letizia Marras, Giuliana Zoppi, Alessandra Licciardi.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn