Fondazione di Sardegna, bandi per 15 milioni

Quindici milioni di euro di erogazioni previste per il 2019, in linea con gli stanziamenti degli anni passati, di cui più di 9 milioni e mezzo tramite il meccanismo dei bandi, compresi quelli realizzati con le Università e con il mondo della scuola: la Fondazione di Sardegna ha pubblicato  i bandi 2019 relativi ai settori “Arte, attività e beni culturali”, “Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa”, “Sviluppo locale”, “Volontariato, filantropia e beneficenza”. I bandi – si ricorda in una nota stampa – sono rivolti ai soggetti pubblici e privati senza scopo di lucro, così come individuati nel regolamento delle attività istituzionali. I progetti e le proposte possono essere presentati entro il 27 novembre 2018 secondo le modalità indicate attraverso il sistema Rol disponibile sul sito www.fondazionedisardegna.it da dove alla sezione “Contributi” sono scaricabili anche i bandi. «Coerentemente con la propria missione istituzionale – si legge nella nota –  la Fondazione conferma anche per il 2019 la dimensione del proprio impegno finalizzato a contribuire allo sviluppo della Sardegna attraverso un sostegno concreto alle iniziative culturali e sociali di maggiore interesse dei territori dell’isola». Si parte subito con i cinque milioni destinati ai settori “Arte, attività e beni culturali”, “Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa”, “Sviluppo locale”, “Volontariato, filantropia e beneficenza”. Sarà, inoltre, presente il bando pluriennale per il settore Arte e, per la prima volta, anche per il settore Volontariato. In linea con gli anni precedenti la Fondazione si impegna a pubblicare gli elenchi dei beneficiari entro il 31 gennaio 2019, al fine di consentire a questi il rapido avvio dei progetti. «Parallelamente al percorso decisionale e gestionale dei bandi – conclude il comunicato stampa – la Fondazione prosegue l’attività di monitoraggio e di valutazione delle iniziative finanziate per verificare l’efficacia degli interventi e migliorare, anno dopo anno, le soluzioni e gli strumenti attivati».