Fischio d’inizio con “Procurad’e moderare”

Sono stati resi noti stamattina in una conferenza stampa alcuni dettagli organizzativi della partita d’esordio della nazionale sarda di calcio che domani – martedì 19 marzo – a Nuoro affronterà allo stadio “Frogheri” una selezioni di calciatori “istanzos” che militano nelle squadre isolane (https://www.ortobene.net/scende-campo-sa-nazionale-sarda-de-bocia/). «Un appuntamento che fa partire dal Centro Sardegna «un messaggio di riscossa sportiva, dello spirito d’identità, lo spirito di credere in sé stessi, nelle nostre capacità, nei nostri talenti», ha sottolineato il sindaco Andrea Soddu che ha presentato l’evento insieme a Gabrielli Cossu, presidente della FINS (Federatzione Isport Natzionale Sardu), Michele Artedino, presidente della Nuorese, Vittorio Sanna, direttore generale della Natzionale Sarda e Rachele Piras, assessore comunale allo Sport.

L’ingresso delle squadre in campo è previsto per le 18.30 (i biglietti potranno essere acquistati anche al botteghino dello stadio dalle ore 17) con giocatori e terna arbitrale accompagnati dai bambini vestiti negli abiti tradizionali provenienti da tutta la Sardegna. Quindi l’esecuzione dal vivo dell’inno nazionale sardo “Su patriotu sardu a sos feudatàrios”  in un arrangiamento per coro e launeddas. Al fischio di inizio verrà rispettato un minuto di silenzio per ricordare Daniele Atzori, il tifoso  prematuramente scomparso durante la partita Cagliari-Fiorentina di venerdì scorso. Nell’intervallo è prevista l’esibizione del gruppo di bambini dei Boes e Merdules di Ottana.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn