Esordio in tandem per le due assessore

«Intenso lavoro di squadra e unità di intenti rivolta alla realizzazione del programma elettorale», così in una nota dell’ufficio stampa del Comune di Nuoro Eleonora Angheleddu (deleghe a Agricoltura, Attività produttive, Prato Sardo, Commercio, Cimitero, Verde urbano e Suape) e Rachele Piras (Turismo, Spettacolo, Sport, Monte Ortobene, Igiene urbana, Politiche per la famiglie, Politiche contro lo spopolamento e la denatalità), chiama a far parte dal sindaco nella giunta Soddu-Ter. In quest’ottica – informa il comunicato – dopo un proficuo confronto avvenuto all’indomani dell’assegnazione delle deleghe, le due assessore hanno espresso la volontà di proseguire insieme nell’azione politica per realizzare gli obiettivi. «Una scelta naturale dovuta al fatto che i settori a noi affidati devono essere coordinati in maniera congiunta, perché sono tra loro complementari», dice Angheleddu, «il turismo e le attività produttive per esempio, o il verde pubblico e l’igiene urbana sono due facce della stessa medaglia». «Il turismo, lo sport e gli spettacoli sono attività che hanno una ricaduta non solo sociale e culturale, ma anche economica», spiega Piras. «La produzione culturale di uno spettacolo o l’organizzazione di un evento sportivo sono attività che coinvolgono tante persone e fanno parte del tessuto produttivo del territorio».
Angheleddu
e Piras – informa sempre l’ufficio stampa – hanno scelto sin dall’inizio di organizzare incontri congiunti con il personale dei settori a loro affidati con l’intento di segnare una linea operativa comune. «La filosofia è quella del lavoro di squadra, dello scambio continuo, dell’apertura e non dell’esclusione», dice Piras, «laddove l’aspetto turistico si intreccia con l’aspetto economico e produttivo, non può non esserci un’interazione operativa, di visione», continua Angheleddu.

 Angheleddu e Piras – chiosa la nota dell’ufficio stampa – “esprimono con entusiasmo la volontà di collaborare”: «L’unione fa la forza, non vogliamo lavorare in compartimenti stagni, ma creare una piattaforma di condivisione», dice Piras. «Condivisione che vedrà il pieno coinvolgimento del Consiglio comunale, al quale sarà data la massima disponibilità e gli strumenti per poter contribuire attivamente ai percorsi decisionali di questa amministrazione», conclude Angheleddu.