Con gli amici dell'Isola. In basso: Mattia al lavoro
Lavorare, la cosa più normale che c’è
La storia. Mattia e il suo impiego al “Nobel 26”, autonomia e indipendenza sono un obiettivo per tutti
di Franco Colomo

5' di lettura

Cosa significa inclusione? Non certo pietà, né una sorta di risarcimento per chi è meno fortunato, neppure un obbligo. E non è solo vedere riconosciuto un diritto, come quello al lavoro. Mattia Rubeddu ha 26 anni, sta al bancone o tra i tavoli del Nobel 26, all’ExMè, sorridente dietro ai suoi occhiali mentre prende un’ordinazione o riordina...

Contenuto riservato agli abbonati

Esegui il login o registrati per acquistare un abbonamento!

Condividi
Titolo del podcast in esecuzione
-:--
-:--