Nuoro, via Majore. Si riconoscono il grande palazzo Mereu e accanto i ruderi de Sa Purissima
Storia della chiesa della “Purissima” ovvero della Nuoro devota all’Immacolata
di Gianfranco Conti

10' di lettura

Alla fine del ‘700, in attesa che fosse ripristinata la sede vescovile nel centro Sardegna, dopo l’abolizione, ai primi del ‘500, della vecchia sede episcopale di Galtellì, molti personaggi autorevoli, compresi il sindaco e il consiglio comunitativo, spingevano, con lettere e relazioni, perché Nuoro fosse prescelta come capoluogo di provincia...

Contenuto riservato agli abbonati

Esegui il login o registrati per acquistare un abbonamento!

Condividi
Titolo del podcast in esecuzione
-:--
-:--