Il decano diventa Monsignore

È stato papa Francesco a fare oggi, 27 novembre, il regalo più bello al decano dei presbiteri nuoresi: durante la messa di ringraziamento per i suoi 90 anni che nel pomeriggio ha celebrato a Budoni, nel giorno del suo compleanno e del suo onomastico, è stata data la notizia della nomina a Cappellano di Sua Santità e così diventa obbligatorio chiamarlo monsignor Virgilio Sanna.

Il centro gallurese si è stretto attorno al sacerdote nato a Orune il 27 novembre 1927 e ordinato il 5 agosto del 1952 da monsignor Giuseppe Melas. Sessantacinque anni di apostolato alla spalle e molto ancora da dare alla Chiesa tanto da reggere in queste settimane, dopo la partenza del parroco don Giovanni Maria Chessa e del vice don Totoni Cosseddu, la parrocchia di Budoni in attesa dell’ingresso di don Antonello Corrias previsto per il 9 dicembre. Unanimi le felicitazioni per l’onorificenza papale assegnata a un prete che, per riconoscimento unanime, non si è mai tirato indietro e ha sempre servito la Chiesa senza risparmiarsi e all’insegna dell’obbedienza. L’affetto del paese, dimostrato con un “Auguri” in notturna proiettato sulla facciata della parrocchiale, si è toccato con mano proprio durante la Santa Messa concelebrata da don Giovanni Maria Chessa arrivato da Nuoro, da due ex viceparroco di Budoni (don Totoni Cosseddu, neo parroco di Lula e Onanì, e don Antonello Solinas oggi parroco di Fonni) e dal nipote di monsignor Virgilio, don Santino Cimino, parroco di Trinità d’Agultu.

Foto Totoni Cosseddu

Nelle parole di don Chessa all’inizio della funzione e durante l’omelia tutta la stima per il decano dei presbiteri diocesani, il ringraziamento a Dio e il classico augurio a chent’annos che però in questo caso va aggiornato con qualche supplemento temporale. Monsignor Virgilio Sanna non è riuscito a nascondere la sua commozione durante l’Eucaristia.

Foto Totoni Cosseddu

Alla Santa Messa hanno partecipato parenti (il fratello monsignor Ignazio Sanna, arcivescovo di Oristano, è arrivato a Budoni in mattinata) e tanti amici dei paesi dove monsignor Virgilio ha svolto la sua missione sacerdotale. A monsignor Virgilio Sanna, tra gli altri, sono arrivati dall’Argentina anche gli auguri del vescovo di Nuoro Mosè Marcìa.

Foto Totoni Cosseddu