Colletta alimentare da 27 tonnellate

Oltre 27 tonnellate di derrate da distribuire ai poveri sono state raccolte sabato 30 novembre durante la Colletta alimentare che si e tenuta anche a Nuoro e in alcuni centri della provincia e dell’Ogliastra. I volontari (nella foto un gruppo di Fonni) hanno presidiato per tutto il giorno i market che hanno aderito all’iniziativa, raccogliendo  la spesa che i clienti hanno voluto donare agli indigenti. In campo nazionale l’iniziativa del Banco alimentare ha portato alla nei circa 13mila esercizi commerciali alla raccolta di 8.100 tonnellate, l’equivalente di 16.200.000 pasti sostanzialmente in linea con i risultati consolidati negli ultimi anni che, insieme a quanto recuperato dal Banco Alimentare nella sua ordinaria attività durante tutto l’anno, saranno distribuite a circa 7.500 strutture caritative che assistono oltre un milione e mezzo di poveri. «Anche quest’anno – ha detto Giovanni Bruno, Presidente della Fondazione Banco Alimentare – abbiamo avuto la riprova che si può vivere un gesto di solidarietà in qualunque condizione ci si trovi; non c’è situazione che possa mortificare il nostro desiderio di bene. Come ci ha recentemente richiamato il Papa, “…fissiamo lo sguardo sull’essenziale che non ha bisogno di tante parole”: proprio in questa prospettiva i numeri acquistano il loro più pieno significato».

Le derrate alimentari raccolte nelle province di Nuoro e Ogliastra ora saranno distribuite ai bisognosi grazie a tredici strutture assistenziali affiliate tra cui il Banco Nuorese di Solidarietà che fa da tramite, tra il Banco Alimentare nazionale e i diversi gruppi, assistendo oltre quattromila indigenti. Un numero in costante aumento, ha rilevato il presidente del Banco Nuorese di Solidarietà Gian Carlo Cocco, ringraziando i volontari che si sono mobilitati per la Colletta, compresi tra gli altri i militari dei distaccamento di Pratosardo del 152° reggimento della Brigata Sassari che hanno messo a disposizione i mezzi per il trasporto delle derrate.

L’iniziativa, oltre l’aiuto materiale ai bisognosi, ha un alto valore educativo contro lo spreco alimentare e per un consumo consapevole secondo lo spirito che ispirò don Luigi Giussani e il patron della Star nel dare vita al Banco Alimentare: «Lei sta facendo una grande cosa. La ringrazio, perché dà la possibilità a tanti giovani e a tanti adulti di imparare a vivere la gratuità», disse nel 1990 il fondatore di Comunione e Liberazione all’industriale Danilo Fossati, come testimonia Alberto Savorana, in “Vita di don Giussani”. Uno spirito confermato a Nuoro anche in molte scuole, con gli studenti protagonisti della Colletta alimentare come i ragazzi del triennio dell’Istituto tecnico “Chironi” che si sono mobilitati all’interno del Progetto “Educazione alla Salute”.

Ecco nel dettaglio, secondo i primi conteggi, il risultato della Colletta in Barbagia, Baronia, Gallura, Marghine e Ogliastra. A Nuoro città nei supermercati Conad sono stati raccolti 3.413 chili di derrate (Biscollai 1.977, viale Europa 1.067, via Santa Barbara 369); negli Eurospin 2.798 (via della Resistenza 1.479, Borghetto 822, Pratosardo 497); negli MD 2.156 (via Della Resistenza 903, Mercato Civico 646, viale Repubblica 607); nei Pam 1.499 chilogrammi (via Ballero 641, via Convento 303, via Liguria 298, via Tempio 257);  quindi 1.301 chili offerti dai clienti del Simply; 1.237 nel Lidl, 528 a Pippo Mercato di via Aosta; 510 nell’Ippomercato via Lamarmora; 370 Nonna Isa di via Catte 370; 352 nel Craai di via Dalmazia; 126 Il Salumiere 126;

Ottimi i risultati anche in provincia: 3.233 chili di prodotti da distribuire ai poveri raccolti dai volontari a Macomer; 2.314 a Siniscola; 2,237 a Orosei; 1.055 a Budoni; 951 a Lanusei; 878 a Fonni; 435 a Dorgali.