Su bolu ‘e s’astore compie 40 anni

È tutto pronto per rivivere le suggestioni di un percorso corale che ha emozionato tanti attraverso le note di brani come Nanneddu Meu, Sas Campanas de Santa Maria o Sa Funtana. Tutto questo sulla scia di “Barantannosinbolu” l’evento organizzato dal Coro Su Nugoresu, diretto dal maestro Michele Turnu, nato per celebrare i quarant’anni del brano Su bolu ‘e s’astore scritto e musicato dallo storico maestro e fondatore del sodalizo Tonino Puddu scomparso prematuramente nel 2008 ormai dieci anni fa. La serata organizzata dalla sodalizio dell’Accademia Tradizioni Popolari – Gruppo Su Nugoresu si terrà sabato 26 maggio sul palco del Ten Teatro Eliseo a partire dalle 20.30.
Il copione della serata, che ripercorrerà il cammino di uno dei brani più celebri nella storia della coralità di scuola nuorese, è stato studiato dal direttore artistico Michele Turnu che per presentare la serata ha scelto Lucia Cossu e la voce narrante di Gavino Poddighe. Tra i protagonisti della serata il sassofono di Simone Pala e il Coro Ortobene diretto dal maestro Alessandro Catte che si esibirà con il Coro Su Nugoresu padrone di casa. La storia del brano di Tonino Puddu lega le due formazioni corali in una serata che si preannuncia ricca di sorprese. Il progetto, realizzato con il patrocinio della Fondazione di Sardegna e del Comune di Nuoro, vedrà anche la presentazione del nuovo lavoro discografico del Coro Su Nugoresu, Barantannosinbolu, che racchiude al suo interno tutte i brani che hanno fatto la storia del sodalizio. L’appuntamento è dunque fissato per il prossimo fine settimana mentre procede la vendita dei pochi tagliandi rimasti. Per info e prenotazioni 3498145735.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn