Bitti, novena dell’Annunziata

Al santuario campestre dell’Annunziata di Bitti ci si prepara alle solenni celebrazioni che culmineranno domenica 21 maggio con la festa della Madonna. Situato a circa 30 chilometri dal centro abitato, al confine con il comune di Lodè, nei giorni della novena vive intensi momenti di spiritualità comunitaria e sincera devozione alla Beata Vergine. In questo periodo dell’anno il villaggio appare in tutto il suo ameno splendore, immerso in un contesto naturale di rara e ancestrale bellezza. Durante la novenaiornate particolari saranno venerdì 12 maggio, con la messa delle 18 celebrata dal vescovo di Nuoro  Mosè Marcia. Domenica 14 il pranzo comunitario, offerto dagli amici del sodalizio “La Fattoria”. Giovedì 18 la “Giornata Sacerdotale”. Venerdì 19, in serata, uno dei momenti più suggestivi con la fiaccolata-processione. Per la sua bellezza fotografica e per il suo intrinseco e profondo significato spirituale, è uno dei momenti più ricchi di fascino. Al calar dell’oscurità, intorno alle 21.30, partendo dal piazzale della chiesa centinaia di torce, tenute in mano dai fedeli in preghiera, illumineranno il percorso che, snodandosi tra i filari delle caratteristiche “cumbessias”, delimita i confini del santuario. Nel pomeriggio di sabato 20 l’arrivo dei cavalieri. La vigilia della festa principale è caratterizzata dalla tradizionale cavalcata, alla quale partecipano decine di fedeli a cavallo. Dopo aver percorso le principali vie del paese, vengono benedetti dal parroco nel santuario della Madonna del Miracolo di Bitti, nel rione di Gorofai. Da qui partono verso l’Annunziata, dove vi giungono dopo aver attraversato l’altopiano di Mamone, un territorio ricco di fascino a circa 900 metri slm. Il loro ingresso nel santuario, previsto per le ore 19  è uno dei momenti più attesi e sentiti dell’intera festa. In serata, dopo le funzioni religiose, canti e balli sardi nel piazzale. Domenica 21 è la giornata de “Nostra Segnora ‘e s’Annossata”. Alle 11 la messa solenne. Lunedì 22 la celebrazione per i detenuti e il personale della casa di reclusione di Mamone. Martedì 23 alle 12 messa di ringraziamento e nel pomeriggio il rientro a Bitti. L’arrivo in paese è scandito dal rintocco delle campane, che accompagneranno il corteo dei cavalier©i e delle automobili che attraverserà il centro abitato.Il predicatore della novena sarà don Luigi Delogu, di Orune, sacerdote della diocesi di Ozieri. Il tema di quest’anno è “La vocazione e la missione della famiglia – Immagine e somiglianza della Santissima Trinità”.

© riproduzione riservata