Bilancio, l’opposizione interpella la Regione

Alla luce del parere dei revisori dei conti sul bilancio presentato la settimana scorsa in Consiglio, i consiglieri Pierluigi Saiu, Alessandro Bianchi, Basilio Brodu, Giuseppe Montesu, Leonardo Moro, Nicola Porcu, Mara Sanna e Salvatore Sulas hanno hanno oggi inoltrato una seconda comunicazione alla Regione per richiamare la mancata approvazione del bilancio nel termine fissato. «Le osservazioni che il il collegio ha formulato nel suo parere, comunicato ai consiglieri nella notte di venerdì, sono molto pesanti – scrivono i consiglieri di opposizione – e comportano correzioni tali da richiedere un nuovo bilancio. I rilievi peraltro non appaiono in nessun modo affievoliti da un parere espresso con riserva».
La Regione – prosegue la minoranza in Consiglio – chiedeva «che il bilancio venisse approvato entro il 18 giugno e non è successo. Non solo. Gli atti sono stati cambiati già una volta e adesso sono state chieste nuove modifiche. Abbiamo inoltre chiesto che gli atti vengano inviati alla Corte dei Conti per gli opportuni controlli. Per evitare la bancarotta è necessario l’intervento degli organi di garanzia e controllo. Dal momento che non possiamo contare sul senso di responsabilità dell’amministrazione in carica, chiediamo l’applicazione delle procedure di salvaguardia a tutela degli interessi della nostra comunità. Vista la gravità della situazione del nostro comune, occorre intervenire subito».
La minoranza richiama in particolare i passaggi della relazione del Collegio nei quali si segnala la necessità di apportare correzioni al risultato di amministrazione presunto 2017 che passerebbe da avanzo a disavanzo così come che si riconoscano oltre 4 milioni di debito fuori bilancio indicati nel documento approvato dalla giunta come “passività potenziali”.
Per il pomeriggio di venerdì 29 giugno, intanto, è convocato il Consiglio comunale per la discussione e il voto sul Bilancio.

© riproduzione riservata