Battere il coronavirus: sottoscrizione per la Casa di riposo

Il gioco di parole nell’hastag #doniAMO seguito dalla motivazione dell’appello: «Aiutare la Casa di riposo di Nostra Segnora de su Meraculu». È l’appello lanciato a Bitti  da amministrazione comunale, la parrocchia e da tutte le associazioni  per dare un sostegno finanziario alla struttura del duramente colpita dal contagio del coronavirus. Dall’insorgere dell’emergenza nella Comunità alloggio- ricorda una nota del coordinamento che sovrintende alla sottoscrizione – è attiva una vera e propria unità di crisi che opera in costante collaborazione con la direzione sanitaria della Assl di Nuoro e le sue braccia operative: il Servizio igiene e l’Assistenza domiciliare integrata (Adì). Tutti gli ospiti di Nostra Segnora de su Meraculu, oltre agli operatori e al personale medico entrato in contatto con gli anziani, sono stati sottoposti al controllo sanitario: oltre alla donna di 84 anni deceduta ieri all’ospedale “San Francesco” di Nuoro, – ricorda ancora il promemoria – 4 ospiti (di cui 3 positivi a Covid-19) sono ricoverati a Nuoro, altri 17 risultati positivi sono in Casa di riposo, mentre i tre ospiti negativi sono stati spostati in una struttura alberghiera del paese. Tra il personale cinque dipendenti sono risultati positivi e isolati in quarantena a casa, e nove negativi. Incoraggiante invece il risultato dei tamponi sui 9 sanitari (medici di base, guardie mediche, infermieri e operatori del 118) che sono risultati tutti negativi.

#doniAMO: per dare manforte alla struttura di riposo è partita quindi l’annunciata campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi, guidata da un coordinamento composto dal sindaco Giuseppe Ciccolini, don Totoni Cossu, e due cittadini molto attivi nell’associazionismo e nella quotidianità del paese: il comandante della locale stazione della Polizia stradale, Giuseppe Ruiu, e la  commerciante Rina Bandinu. La campagna #doniAMO è rivolta a tutti i bittesi, anche ai tanti emigrati che da anni non risiedono più in paese, e naturalmente a tutti i sardi. «Un modo per sostenere la Casa di riposo in un momento assai difficile, soprattutto sul piano finanziario, con un aumento notevole delle spese dovute alla gestione dell’emergenza sanitaria. Nostra Segnora de su Meraculu è un centro nato grazie alla generosità di tutte le famiglie bittesi e, nonostante si tratti di una struttura privata, fa parte della vita della comunità», scrivono i promotori accogliendo con favore il primo versamento arrivato dalla Diocesi di Nuoro considerando anche il fatto che la struttura è gestita dalla parrocchia, ha destinato 10mila euro dell’8 per mille: i fedeli nuoresi – come ha sottolineato il vescovo Antonello, sono più che mai vicini alla comunità bittese, agli ospiti della Casa di riposo e agli operatori, e questa donazione testimonia il loro grande cuore.

Nell’annunciare l’iniziativa il primo pensiero e l preghiere di don Totoni Cossu e Giuseppe Ciccolini, sono state per l’anziana ospite della struttura scomparsa ieri e, per una pronta guarigione degli anziani e dei compaesani contagiati e alle loro famiglie coinvolte nella gestione di tale emergenza. «La vita – ha detto il parroco – ci riserva sempre delle sfide importanti e quella che abbiamo di fronte oggi riguarda la sopravvivenza della nostra casa di riposo. Una prova che possiamo vincere unendo tutte le nostre forze e chiedendo l’aiuto del Signore e della Madonna del Miracolo. Da quando la struttura ha aperto, nel 2005, è diventata un punto di riferimento per gli abitanti di Bitti e del circondario: ecco perché mi appello al buon cuore di noi tutti affinché la si aiuti in questo momento di enorme difficoltà».

Sulla decisione di aprire una sottoscrizione pubblica si è soffermato il sindaco. «Gli anziani ospiti e gli operatori della nostra Casa di riposo, risultati positivi al tampone, vivono un momento di estrema difficoltà», ha affermato Giuseppe Ciccolini ricordando che il Nostra Segnora de su Meraculu «è un punto di riferimento importante per i nostri concittadini e per l’intero territorio. Proprio adesso c’è urgente bisogno di supporto materiale. Non siamo in una grande città e dobbiamo impegnarci tutti per sostenerci, perché non abbiamo né le risorse né le attrezzature sufficienti per affrontare da soli la gestione della pandemia. Aiutare i medici, gli infermieri e chiunque operi nella struttura, significa aiutare gli ospiti e le loro famiglie a resistere e affrontare la quarantena nel miglior modo possibile. Siamo certi che il nostro appello non cadrà nel vuoto perché già altre volte, soprattutto nei momenti più difficili, la nostra comunità ha mostrato una grande coesione. Il pensiero mio e di tutta l’Amministrazione comunale va naturalmente ai malati ai quali auguriamo una pronta e rapida guarigione».  Il Coordinamento ha aperto un conto corrente per raccogliere le donazioni. L’IBAN: IT80M0101585250000070727796, intestato ad Associazione N.S. del Miracolo Casa alloggio per anziani, mentre la causale da inserire è “Raccolta fondi casa di riposo su Meraculu”’. Le donazioni si possono inoltre fare contattando direttamente il parroco al numero 328-6470884 e i due rappresentanti laici del comitato di coordinamento della campagna: Rina Bandinu (340/9392768) e Giuseppe Ruiu (338/7579143).
Tutte le informazioni sono reperibili sul sito ufficiale del Comune di Bitti www.comune.bitti.nu.it e sulle pagine Facebook dello stesso Comune e “In Bitti”.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn