Allarme-meteo, caos per scuole e uffici

Ogni allarme-meteo quando lampeggia il codice rosso sfocia nel solito balletto delle scuole aperte o chiuse, uffici aperti o chiusi. Anche stasera alle 20 arrivano notizie contradditorie e qualche volta paradossali per quanto riguarda gli uffici regionali. Ricordiamo, intanto, che fino alla mezzanotte di domani  – giovedì 11 ottobre –  il codice rosso (vedi cartina), cioè  l’avviso di allerta elevata per rischio idrogeologico e idraulico nell’area Flumendosa-Flumineddu riguarda tutta l’Ogliastra, e nel Nuorese Nuoro città, Mamoiada, Oliena, Dorgali, Galtellì, Irgoli, Loculi, Onifai, Orgosolo, Orosei, Orune e Siniscola. Allerta moderata, codice arancione nella zona Gallura che coinvolge anche Bitti, Lula, Posada, Torpè, Lodè, San Teodoro e Budoni. Ebbene per quanto riguarda le scuole alle ore 20 dalle notizie che è stato possibile mettere insieme da più fonti domani  lezioni sospese per ordinanza dei sindaci a Siniscola, Orosei, Torpè, Galtellì, Orgosolo e Dorgali (in quest’ultimo centro è stata disposta la chiusura della strada Gustui-Littu), nessuna ordinanza a Nuoro dove, evidentemente, il Centro operativo comunale non ha ritenuto ci fossero le condizioni per sospendere le attività didattiche anche negli istituti superiori e quindi per gli studenti pendolari. Per quanto riguarda gli uffici anche in città dovrebbero essere operative tutte le strutture pubbliche  regionali, salvo il Centro per l’impiego di Nuoro e la sede staccata di Dorgali che hanno annunciato la chiusura sostenendo che «in seguito all’avviso  di allerta divulgato dalla Direzione Regionale della Protezione Civile l’Aspal ha infatti disposto la chiusura oltre che della sede di Cagliari anche  di tutti gli uffici territoriali ricompresi nella zona rossa di allerta meteo». Completamente diversa invece la linea adottata dalla Regione che stasera e domani ha ordinato, con una nota dell’assessore del Personale Filippo Spanu, la chiusura degli uffici regionali di Cagliari. «La nota – si legge in un comunicato – è stata emanata dopo aver preso atto dell’ordinanza emessa dal sindaco di Cagliari Massimo Zedda che ha disposto la chiusura degli uffici pubblici del capoluogo. Per gli uffici regionali situati nelle diverse sedi periferiche i direttori generali dovranno verificare l’esistenza di analoghe ordinanze emanate dai sindaci competenti al fine di disporne la relativa chiusura».

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn