Abbanoa “convocata” in Consiglio

Il gruppo consiliare sardista intende procedere con l’audizione di Abbanoa in una seduta aperta del Consiglio comunale e chiede ai consiglieri di sottoscrivere la richiesta depositata stamattina negli Uffici di Supporto agli organi istituzionali del Comune di Nuoro. L’iniziativa, detenendo il Comune di Nuoro il 4% della società che gestisce il servizio idrico regionale, è si fonda su una precisa norma dello statuto sullo statuto che consente al Consiglio Comunale di convocare le società partecipate, raggiunto il limite minimo di firme dei consiglieri, un quinto dei componenti l’assemblea civicA. Pertanto Claudia Camarda, Viviana Brau e Graziano Siotto invitano tutti i colleghi consiglieri a sottoscrivere entro le ore 12 di martedì 6 agosto, la convocazione affinché – si legge in una nota – «alla ciclica e puntuale crisi idrica di ogni luglio, vengano fornite risposte concrete alla Città di Nuoro e ai nuoresi direttamente dall’Ente Gestore».
L’argomento è stato affrontato anche nell’ultima seduta del Consiglio comunale per iniziativa del consigliere Paolo Fadda che, pur trasformando per questioni regolamentari la mozione in comunicazione (https://www.ortobene.net/tempo-scaduto-anche-gli-equilibri-bilancio/,) ha ottenuto dal sindaco l’impegno a dare indicazioni perché in sede di revisione del Piano di protezione civile vengano previsti una serie di interventi per fronteggiare le emergenze provocate dall’assenza di acqua potabile. In quell’occasione Soddu ha sostenuto che non esisteva finora nessun progetto di investimento sulla condotta adduttrice Janna ‘e ferru-Nuoro soggetta a frequenti rotture e che, sollecitato dal sindaco, l’amministratore unico di Abbanoa Abramo Garau ha già indicato questa priorità di cui però dovrà prendere atto l’Egas, l’autorità d’ambito nel cui consiglio siede Soddu. L’audizione di Abbanoa chiesta dai sardisti consentirà comunque di avere una serie di risposte sulla rete idrica interna fatiscente e sulla stessa distribuzione delle risorse idriche in città, comprese il permanete spreco dell’acqua potabilizzata dal deposito di Cucullio (https://www.ortobene.net/rovi-cuccullio-innaffiati-dallacqua-sottratta-ai-nuoresi/)