“#40” a Casa Manconi

Secondo quanto dichiarato dall’artista delle pietre sonore Pinuccio Sciola, «se nell’arte non raggiungi obiettivi importanti entro i 40 anni, allora devi ricominciare tutto da capo».
Seguendo questa prospettiva, a partire da questa somma di anni di una generazione, del tempo necessario al cambiamento, dell’attesa verso il nuovo che avanza e la crescita dell’individuo, l’hub creativo di Casa Manconi riapre i suoi battenti per una nuova iniziativa artistica.
Si tratta della mostra denominata “#40”, che arriverà a Nuoro sabato 15 dicembre negli spazi di via Michelangelo Buonarroti 19, con inizio dalle ore 17.30: l’accurata selezione di opere, curata da Chiara Manca con il coordinamento scientifico di Maria Jole Serreli e Fabio Costantino Macis, racconterà uno spaccato dell’arte contemporanea attraverso le sperimentazioni di 48 artisti nazionali ed internazionali che spazieranno fra le tematiche teoriche e le tecniche pratiche.
Ogni artista sarà rappresentato da un’opera significativa del proprio percorso, a partire da quanto presentato nello studio di Maria Jole Serreli a Marrubiu: i creativi ancora sconosciuti in Sardegna avranno ulteriore spazio per iniziare a piantare i loro semi artistici ancora più in profondità nelle radici della terra sarda, raccontandone il rapporto oltre il mare, rafforzando i legami, creando connessioni e nuove chiavi di lettura per e con l’osservatore.
Lo spazio di Casa Manconi, immutato negli anni, accoglierà le nuove opere affiancandole con le decine del pittore ed orafo nuorese Franco Manconi, esposte in modo permanente: insieme, le creazioni dialogheranno nel corso della mostra #40, in un melting pot come commistione di fotografie, pitture, sculture e piccole installazioni.
La mostra di sabato 15 dicembre è patrocinata da Sardegna Teatro, dal TEN – Teatro Eliseo Nuoro, da Casa Manconi, da Art House Space, dalla Fondazione Sciola e dal Comune di Marrubiu: sarà visitabile sino a sabato 22 dicembre, tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 19.

© riproduzione riservata

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn